Attualità

Study tour in Auvergne-Rhône-Alpes: l’attenzione ai rifugiati e le collaborazioni pubblico-privato

Di Marta Berbel Alberola

Dopo il primo seminario internazionale di Discorsi Migranti in gennaio, è stata organizzata un’altra attività di scambio: dal 26 al 28 marzo, la delegazione di Discorsi Migranti composta da 12 rappresentanti di servizi pubblici e del terzo settore del Piemonte, ha visitato le buone pratiche della regione francese dell’Auvergne-Rhône-Alpes.  Le attività sono state organizzate in collaborazione con il partner locale RESACOOP.

Il programma è iniziato con una presentazione sul sistema di accoglienza e di integrazione francese e della regione Auvergne-Rhône-Alpes rivolta a tutti i partecipanti al fine di dare informazioni generali e di contesto. La presentazione, tenuta da Laurent Delbos di Forum Réfugiés, si è concentrata su richiedenti asilo e rifugiati, sulle misure messe in atto dallo Stato e su quelle del terzo settore.

Study Tour a Lione

Rappresentanti di servizi pubblici e del terzo settore del Piemonte, Study Tour Lione

Dopo la prima attività generale, la delegazione si è divisa in tre gruppi tematici per visitare le buone pratiche.

Il gruppo “riconoscimento delle competenze” ha continuato ad approfondire il tema dei richiedenti asilo e dei rifugiati, incontrando il settore “Lavoro” dell’associazione Forum Réfugiés. L’associazione ha presentato il programma Accelair, volto a favorire l’inserimento socio-professionale dei rifugiati, dando una risposta coordinata sugli ambiti del lavoro, della formazione e della casa. Il programma ha accompagnato 1.628 persone provenienti principalmente da Siria, Afghanistan e Albania.

Successivamente, il gruppo ha incontrato gli operatori del DAVA (Dispositif académique de validation d’acquis), ufficio che si occupa di validare le competenze acquisite per l’ottenimento di un diploma professionale.

Infine, il gruppo si è recato presso la sede di Grenoble dell’Agenzia nazionale per la formazione degli adulti (AFPA), dove ha incontrato il direttore del centro e il direttore della sede di Montluçon. È stato presentato il programma Hope (Hébergement Orientation Parcours vers l’Emploi), che ha coinvolto 1.000 rifugiati, principalmente giovani uomini da Sudan e Afghanistan. Il programma, attivato da una collaborazione pubblico-privato, è caratterizzato da un approccio integrato che affianca attività di accompagnamento sociale all’inserimento lavorativo.

Il gruppo specializzato sull’integrazione abitativa ha incontrato un Bailleur social. Questi organismi –che possono essere società a economia mista, delle fondazioni o delle cooperative- sono responsabili della costruzione e della gestione degli alloggi pubblici. Sono emerse alcune caratteristiche del sistema francese: una elevata rotazione degli affittuari degli alloggi pubblici, la maggiore rapidità dell’accesso per le persone e le famiglie che ricevono un accompagnamento sociale (ad esempio, rifugiati, donne vittime di violenza, persone che escono dal carcere) e la partecipazione delle imprese nella costruzione che permette loro di favorire l’inserimento abitativo dei propri dipendenti.

Il programma è continuato con l’incontro con la responsabile del polo Hébergement et habitat social della Direzione Regionale della Gioventù, dello Sport e della Coesione Sociale. È stata presentata la legge Dalo-Daho, che prevede la possibilità di presentare un ricorso quando la richiesta di abitazione o di ospitalità non è soddisfatta entro le tempistiche stabilite.

Per completare la conoscenza del contesto in ambito abitativo in Auvergne-Rhône-Alpes, il gruppo ha incontrato la Métropole de Lyon, che ha presentato il suo Piano locale d’azione per l’alloggio e l’ospitalità di persone svantaggiate. Il Piano è stato elaborato in seguito all’attribuzione dello statuto speciale alla Metropoli di Lione. Il Piano mira a definire gli obiettivi e le modalità di azione dei partner della Metropoli in ambito abitativo, al fine di permettere l’accesso e il mantenimento della casa delle persone svantaggiate, attraverso misure di accompagnamento sociale, aiuti all’energia, prevenzione degli sfratti.

Il gruppo “salute materno-infantile” ha incontrato la presidente di Migration Santé Rhone-Alpes. L’associazione dispone di un centro di documentazione specializzato sulla salute dei migranti e svolge formazioni sul legame tra salute e cultura rivolte a studenti dei corsi per professioni sanitarie, sociali ed educative.

Inoltre, è stata organizzata una riunione con una rappresentanza degli Hospices Civils de Lyon: personale sanitario dei reparti maternità e pediatria e, per la Metropoli di Lione, rappresentanti del servizio Protection maternelle et infantile. Il confronto si è concentrato sul tema della mediazione interculturale in ambito sanitario.  Anche l’incontro successivo con Medecins du Monde  ha avuto come focus la mediazione, in particolare nelle loro attività nei campi nomadi di Lione, dove svolgono attività di informazione e orientamento, screening e vaccinazione, presa in carico sociale e medica. L’ultima pratica visitata è stata l’associazione ADDCAES  di Chambèry, che si occupa di diversi temi legati alla migrazione nel dipartimento della Savoia. ADDCAES offre un servizio di supporto alle persone e alle famiglie in situazione di interculturalità. Il servizio non prevede una presa in carico psicologica, quanto un supporto su problematiche concrete, portato avanti da una equipe multidisciplinare.

Lo Study Tour ha permesso di continuare il confronto con gli operatori locali iniziato con il primo incontro internazionale. Gli scambi consentono ai diversi partecipanti del progetto di conoscere, ampliare e arricchire le proprie conoscenze e, inoltre, ottenere una visione più generale e completa del progetto Discorsi Migranti.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...